fbpx

Iris Apfel DesignEventiInterni Muore a 102 anni Iris Apfel: icona del design di New York

0 0
Read Time:1 Minute, 37 Second

La celebre icona eccentrica della moda di New York, Iris Apfel, è deceduta venerdì all’età di 102 anni, come annunciato sul suo profilo Instagram accompagnato da una foto che la ritrae in un lungo abito dorato dai motivi fantasiosi e con grandi occhiali neri. Il suo ultimo post risale a soli due giorni prima, il 29 febbraio, quando festeggiava i suoi “102 anni e mezzo”.

Conosciuta come la “stellina geriatrica” del Queens, Apfel aveva mantenuto una presenza attiva nel mondo della moda, partecipando ancora agli eventi principali e sfilando sulla sua sedia a rotelle, nonostante la sua età avanzata e il suo status di ultracentenaria con 2,9 milioni di seguaci su Instagram.

Nata nel 1921 da una famiglia ebrea a New York, Iris Apfel ha studiato storia dell’arte e si è distinta come designer d’interni, contribuendo alla ristrutturazione della Casa Bianca per nove presidenti degli Stati Uniti, da Harry Truman a Bill Clinton. La sua passione per la moda l’ha portata a collezionare abiti dei più grandi stilisti del XX secolo, una collezione che occupava due piani del suo lussuoso appartamento di Park Avenue e che è stata oggetto di una retrospettiva al Met di New York nel 2005.

Iris Apfel, famosa per il suo stile unico e audace, è stata protagonista di numerose collaborazioni con marchi prestigiosi come H&M, Citroën, Magnum, Happy Calze e Mac. Nel corso della sua vita ha ispirato molte persone ad abbracciare la propria individualità e ad osare essere diverse, un messaggio ribadito nel suo mantra “osa essere diverso!”.

Nel 2015 ha affrontato la perdita del marito Carl, con il quale era stata sposata per 67 anni. Nonostante le sfide e le avversità, Iris Apfel ha continuato a diffondere la sua passione per la moda e a incoraggiare gli altri a esprimere la propria personalità attraverso l’abbigliamento, lasciando un’impronta indelebile nel mondo della moda e oltre.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Previous post Dialoghi di Design: Intervista all’Arch. Giorgio Donà – Partner e Director di Stefano Boeri Interiors
Next post Intelligenza artificiale: il talento e l’algoritmo: incontro a Torino